Gruppo di lettura del giovedì presso “il Pertini” –  Biblioteca Civica Cinisello Balsamo

Il lettore dotato è una figura universale, non soggetta a leggi spaziali o temporali.

[ … ] Mi si permetta di definire questo ammirevole lettore. Non appartiene a una nazione o a una classe specifica. Non c’è direttore di coscienza o club del libro che possa gestire la sua anima. Il buon lettore, il lettore ammirevole, si identifica con il cervello che quel libro ha pensato e composto. Non cerca in un romanzo russo informazioni sulla Russia, perché sa che la Russia di Tolstoj o di Čechov non è la Russia della storia ma un mondo specifico immaginato e creato da un genio individuale. Al lettore ammirevole non interessano le idee generali; ma la visione particolare. In realtà, di tutti i personaggi creati da un grande artista, i più belli sono i suoi lettori.

Vladimir Nabokov – Lezioni di letteratura russa
manifesto